Il Tempo delle Donne

11 Set , 2018 News

tempo-delle-donne-racoon-studio

Si è chiuso alla Triennale di Milano il Tempo delle Donne. Una kermesse di idee, passioni e vissuto per parlare di felicità. Quattro giornate animate da parole e musica, inchieste, installazioni, in cui il linguaggio giornalistico e lo spettacolo dal vivo si sono fusi e completati. Più di cento eventi, duecentocinquanta ospiti e migliaia di intervenuti, hanno animato questo teatro di incontri, riflessioni, chiacchiere, risate .

Abbiamo ascoltato tante storie e vissuto parentesi private, ci siamo riconosciuti in un’idea di felicità che preveda un tempo per amare, per tessere e curare legami, per trasformarci, per ricominciare. Ci sentiamo parte della grande energia che ha animato queste giornate, soprattutto nel percorso tracciato dai tanti intervenuti verso il lavoro ideale, la famiglia, le passioni , alla ricerca della definizione di felicità che in fondo forse, come ha detto Francesco De Gregori , non sta nel successo, ma nella dolcezza con la quale accettiamo i cambiamenti.

Protagonista della dialettica, la felicità nelle sue declinazioni alla fine si rivela frutto di empatia, dell’ottimismo, della consapevolezza. Ed ecco che quando la confessione e la confidenza entrano nella sfera pubblica con garbo e si parla di una nuova genitorialità, dell’importanza di essere padri o madri “con successo”, più che “di successo”, si delineano tante idee di felicità. Perché la felicità è emozione. L’emozione nel descrivere il lavoro di un animale a servizio di un’equipe di salvataggio o nel far comprendere l’importanza della solidarietà. La felicità si rivela essere un universo i cui limiti possono essere spostati, per superare quelli imposti, che ci portiamo dentro, per uscire dalla nostra sicurezza e sperimentare. Perché se qualcosa abbiamo capito da questo è che la felicità è adesso.

Racoon Key Frame

La nostra idea di felicità è fare in modo che il nostro lavoro, fatto con passione, produca benessere e sia di aiuto agli altri. Come è accaduto quando abbiamo creato “Io e Martino”.

Qui il Video


Condividi

, , , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie