Victoria & Albert museum la grande mostra: “Videogames: Design/Play/Disrupt”

25 Set , 2018 News

Videogames-victoria-albert-museum-racoon-studio

Solo le vecchie generazioni hanno memoria di quando il primo videogioco sia entrato nelle loro vite. Si chiamava “Tennis for two”: una pallina da tennis si spostava da un campo all’altro, controllata dai giocatori attraverso due valvole in una consolle che ne consentivano il solo movimento orizzontale e verticale. Erano gli anni 70 e da quel momento l’evoluzione è stata continua e la sfida sempre più avvincente.

Per le generazioni successive, fino ad oggi, il concetto di videogioco si accompagna a quello di tempo libero quasi costantemente, dalla fascia d’età adulta a scendere fino a un’età in cui sempre più spesso si impara prima a giocare che a usare correttamente il congiuntivo. A questo, che ormai è diventato un mondo trasversale e sofisticato, è dedicata la mostra appena inaugurata al Victoria e Albert museum, Videogames: design/play/disrupt e noi di Racoon , di passaggio a Londra, da veri appassionati non potevamo che consigliarvi un’immersione nell’evoluzione dei giochi negli ultimi dieci anni.

E’ assodato infatti che i videogames, giocati da 2,2 miliardi di persone in tutto il mondo, siano ormai un fenomeno collettivo e meritino considerazione non solo dal punto di vista artistico e tecnologico, ma anche da un punto di vista sociale e soprattutto culturale. Un universo che la mostra appena inaugurata definisce molto esaustivamente attraverso installazioni interattive e multimediali, schermi e soprattutto, una goduriosa enorme sala giochi a beneficio dei visitatori che vogliono cimentarsi con i videogiochi a disposizione. Un fenomeno globale quindi, in cui il fascino del design trova alla sua base complesse equazioni matematiche e algoritmi, per creare miliardi di immagini in movimento, in grado di coinvolgere magneticamente il giocatore nella storia. Socialmente i videogames sono spesso accusati di essere troppo violenti, ripetitivi e mirati a un pubblico giovane e maschile.  Questa mostra intende sottolineare invece la partecipazione sempre più incisiva anche di  designer donne provenienti da tutto il mondo in grado di rendere le storie più complete oltre che più innovative.

Racoon Key Frame

Vi ricordate “Tron”, prodotto e diretto da Steven Lisberger? Da lì l’ispirazione per il mondo della fantascienza e del videogioco ricreato in un nostro video di qualche anno fa che ci siamo divertiti a produrre.


Condividi

, , , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie